Requisiti per l’ammissione: titoli di studio e conoscenza

Laurea o Laurea specialistica (nuovo ordinamento)

Per essere ammessi al Corso occorre essere in possesso di una laurea o laurea specialistica conseguita in una delle seguenti classi (ordinamento posteriore al Decreto Ministeriale n. 509/99).

  • Classe delle lauree in scienze dell’architettura e dell’ingegneria edile
  • Classe delle lauree in urbanistica e scienze della pianificazione territoriale e ambientale
  • Classe delle lauree in ingegneria civile e ambientale
  • Classe delle lauree in scienze dei beni culturali
  • Classe delle lauree in scienze della Terra
  • Classe delle lauree in scienze e tecnologie fisiche
  • Classe delle lauree in scienze e tecnologie informatiche
  • Classe delle lauree in scienze geografiche
  • Classe delle lauree in scienze matematiche
  • Classe delle lauree in tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali
  • Classe delle lauree in disegno industriale
  • 2/S Classe delle lauree specialistiche in archeologia
  • 3/S Classe delle lauree specialistiche in architettura del paesaggio
  • 4/S Classe delle lauree specialistiche in architettura e ingegneria edile
  • 10/S Classe delle lauree specialistiche in conservazione dei beni architettonici e ambientali
  • 11/S Classe delle lauree specialistiche in conservazione dei beni scientifici e della civiltà industriale
  • 12/S Classe delle lauree specialistiche in conservazione e restauro del patrimonio storico-artistico
  • 20/S Classe delle lauree specialistiche in fisica
  • 21/S Classe delle lauree specialistiche in geografia
  • 23/S Classe delle laure specialistiche in informatica
  • 24/S Classe delle lauree specialistiche in informatica per le discipline umanistiche
  • 28/S Classe delle lauree specialistiche in ingegneria civile
  • 32/S Classe delle lauree specialistiche in ingengeria elettronica
  • 35/S Classe delle lauree specialistiche in ingegneria informatica
  • 38/S Classe delle lauree specialistiche in ingegneria per l’ambiente e il territorio
  • 45/S Classe delle lauree specialistiche in matematica
  • 54/S Classse delle lauree specialistiche in pianificazione territoriale urbanistica e ambientale
  • 73/S Classe delle lauree specialistiche in scienze dello spettacolo e della produzione multimediale
  • 82/S Classe delle lauree specialistiche in scienze e tecnologie per l’ambiente e il territorio
  • 86/S Classe delle lauree specialistiche in scienze geologiche
  • 103/S Classe delle lauree specialistiche in teorie e metodi del disegno industriale
Laurea vecchio ordinamento

Per essere ammessi al Corso occorre essere in possesso di una laurea conseguita secondo l’ordinamento antecedente al decreto ministeriale n. 509/99.

  • Architettura
  • Conservazione dei beni culturali
  • Disegno industriale
  • Fisica
  • Geografia
  • Informatica
  • Ingegneria civile
  • Ingegneria edile
  • Ingegneria elettronica
  • Ingegneria informatica
  • Ingegneria per l’ambiente ed il territorio
  • Lettere
  • Matematica
  • Pianificazione territoriale, urbanistica ed ambientale
  • Scienze della comunicazione
  • Scienze geologiche
  • Storia e conservazione dei beni architettonici e ambientali
Diploma universitario
  • Edilizia
  • Informatica
  • Ingegneria informatica
  • Ingegneria informatica e automatica
  • Operatore dei beni culturali
Requisiti minimi per l’ammissione

Sono requisiti indispensabili per l’ammissione e devono chiaramente risultare dal curriculum presentato:

  • Buona conoscenza di software di grafica raster i.e. Adobe Photoshop
  • Conoscenza di base grafica vettoriale 2D e 3D i.e. Autodesk AutoCAD o 3DS Max o Rhinoceros

È indispensabile la disponibilità personale di un proprio notebook con le caratteristiche

  • SO Windows XP o Vista o Seven
  • RAM min. 2 Gb
  • Scheda LAN

Il numero massimo degli iscritti è 25, il numero minimo degli iscritti necessario per l’attivazione del corso è 5.

La selezione, qualora il numero sia superiore al numero dei posti, avverrà in base al curriculum. Dovranno essere indicati sia per i diplomi di laurea che per i diplomi di dottorato e specializzazione: titolo della dissertazione finale, nome del relatore, votazione riportata. Dovranno inoltre essere indicati i titoli didattico-scientifici, i titoli professionali, le esperienze formative e di lavoro nei settori afferenti alle metodologie, ai temi e alle applicazioni trattati nel programma didattico.